In Canada nuova tecnologia per il sessaggio in ovo

Sarà pronta per le prove commerciali la prossima primavera una promettente tecnologia per determinare se un uovo contiene un embrione maschio o femmina. Lo ha detto a WATT Global Media, Harry Pelissero, direttore generale dell’Egg Farmers dell’Ontario.

Tuttavia un certo numero di grandi organizzazioni con interessi significativi nel settore delle uova da cova hanno espresso un certo scetticismo nella capacità della tecnologia di poter individuare il sesso dei pulcini in embrione” ha scritto Pelissero in una e-mail “Le persone che hanno avuto l’opportunità di osservare da vicino questa tecnologia sono scettici e pensano che al momento non esista una tecnologia che si avvicina, in termini di potenziale, ai metodi esistenti e possa rappresentare un punto di svolta per l’industria“.

Questo nuovo sistema, chiamato Hypereye, è stato sviluppato dai ricercatori della McGill University di Montreal, in Canada, ed è in grado di determinare, il giorno l’uovo viene deposto, la sua fertilità e il sesso del pulcino. Nel mese di ottobre 2016, Egg Industry aveva riferito che la tecnologia si basa su un sistema di visione artificiale, che utilizza luce e algoritmi informatici.

Secondo Pelissero, Hypereye applica una tecnologia che con il tempo calibra gli algoritmi per raggiungere maggiore precisione sui dati relativi alla fertilità e al genere. E’ un sistema non intrusivo, elimina il rischio di contaminazione batterica o fungina, e di contaminazione incrociata tra le uova. E’ anche stand-alone e può essere integrato nei normali processi di incubazione o altrove all’interno di qualsiasi anello tra la posa e la schiusa.

La tecnologia è di proprietà di MatrixSpec, una società con sede a Montreal. Gli sviluppatori di Hypereye hanno depositato la domanda per un brevetto mondiale che dovrebbe essere concesso nei prossimi tre mesi. La Egg Research Development Fund (ERDF), organizzazione partner di MatrixSpec, e una società non meglio identificata specializzata nell’automazione degli incubatoi, stanno lavorando su tecnologie sinergiche. ERDF sta inoltre concludendo un accordo per commercializzare questa nuova tecnologia tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018. Gli sviluppatori ritengono che nei prossimi mesi sarà possibile sperimentare un prototipo in un incubatoio commerciale.

Quello canadese è uno di una serie di progetti avviati in tutto il mondo per trovare una soluzione commercialmente valida per determinare il sesso degli embrioni dei pulcini prima che inizi o entro i primi giorni di incubazione.  Per esempio, alla fine di ottobre, l’azienda texana produttrice di uova Vital Farms ha annunciato una partnership con la società israeliana Novatrans, per la produzione di una tecnologia (TeraEgg) che potrebbe sostituire il sessaggio post-schiusa.

Fonte WattAgNet