In Bulgaria “significativo miglioramento” nella lotta contro la peste suina africana

Secondo il ministro dell’Agricoltura della Bulgaria, Rouman Porozhanov. c’è stato un significativo miglioramento nelle misure di disinfestazione ai valichi di frontiera con la Romania per impedire la diffusione della febbre suina africana in Bulgaria.  A seguito dell’ispezione al confine tra Bulgaria e Romania il ministro ha detto che il disinfestatore meccanico posizionato al di controllo di Kaynardzha era stato sostituito con un nuovo dispositivo di disinfestazione.

Allo stesso tempo, i funzionari di tutti i posti di frontiera hanno sequestrato prodotti a base di carne a base di maiale, l’hanno messa nei congelatori appositi e poi l’hanno distrutta.

Il Ministro ha poi sottolineato che i maiali presenti nel villaggio di Bozveliysko erano risultati negativi alla peste suina africana. I test si sono resi necessari dopo l’individuazione di un focolaio in un villaggio vicino, che aveva portato alla soppressione di tutti i capi presenti.

Porozhanov ha inoltre ricordato che l’Agenzia bulgara per la sicurezza alimentare ha pubblicato sul proprio sito web informazioni per registrare i suini non ancora registrati, misura necessaria per mantenere elevati i livelli di biosicurezza. Il ministro ha poi incontrato rappresentanti di due associazioni di produttori di carne suina con i quali ha discusso il contrasto alla diffusione dell’infezione, la questione del risarcimento e le restrizioni sulla movimentazione degli animali in alcune aree.

Fonte Bulgaria Oggi