Il valore del mercato dei mangimi composti del 2022

Per l’anno in corso il mercato dei mangimi composti, in termini di valore, è stimato intorno ai 428 miliardi di dollari e si prevede raggiungerà i 530 miliardi di dollari entro il 2022, con un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 4,4% a partire dal 2017. Sono i dati dell’ultimo rapporto di MarketsandMarkets.

Nel 2016 il segmento dei cereali ha rappresentato la quota maggiore del mercato dei mangimi, sia in termini di valore che di volume. I cereali sono la principale fonte di energia e vengono utilizzati in quantità maggiori per soddisfare il fabbisogno energetico del bestiame. L’attuale livello di somministrazione e la maggiore domanda per questo tipo di diete ad alta energia hanno portato alla crescita della domanda di cereali.

Sempre nel 2016, in termini di valore, il segmento avicolo ha rappresentato la quota maggiore del mercato dei mangimi composti, e si prevede che, dal 2017 al 2022, crescerà al più alto CAGR mai visto fino ad ora. In tutto il mondo la richiesta di carne bianca è in aumento, perché sta aumentando la richiesta di diete a base di proteine. Ciò ha portato ad un incremendo della produzione avicola, e quindi alla domanda di mangime. La domanda crescente di pollame, e quindi di mangime ad esso destinato, è stata evidente soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

L’area dell’Asia del Pacifico è uno dei maggiori produttori zootecnici del mondo, in particolare grazie alla Cina. In questa regione la crescita della produzione e del consumo di carne e prodotti a base di carne, ha comportato una maggiore richiesta di mangimi composti. I principali motori di questa area sono la crescita della popolazione, l’aumento dei redditi e la rapida urbanizzazione, specialmente in Cina, India e Giappone, oltre alla continua modernizzazione dell’industria dei mangimi.

Fonte All About Feed