Il settore zootecnico sfidato da due tipi di attivisti

Quando si tratta di attivisti che combattono per i diritti degli animali o l’ambiente, chi è coinvolto nella produzione di bestiame e pollame deve prima identificare in quale categoria si inserisce l’attivista.

Lo ha detto Bryan Humphreys, direttore esecutivo dell’Ohio Pork Council, parlando in occasione dell’Animal Agriculture Alliance Stakeholders Summit che si è svolto a inizio mese in Virginia. Humphreys ha descritto due tipi di attivisti: gli intransigenti e i pragmatici.

Parlando degli intransigenti Humphreys ha spiegato che alcuni attivisti sono così convinti che l’agricoltura animale sia cattiva, che non sono disposti ad ascoltare i punti di vista di altre persone. La negoziazione non è un’opzione. La discussione e l’educazione non sono un’opzione”. In Ohio, ad esempio, molti intransigenti stanno puntando il dito contro l’agricoltura animale e accusano l’industria dei problemi causa principale delle alghe presenti nel Lago Erie. Questi attivisti pensano che “non ci sia altra scelta che la chiusura del comparto zootecnico della zona perché è la causa del problemi che stanno affligendo il lago Erie: ritengono che se chiudiamo tutta la produzione di bestiame, il lago diventerà magicamente migliore e la fioritura delle alghe scomparirà. La realtà è che non è vero“. Alcuni studi hanno invece dimostrato che la produzione di bestiame è responsabile di circa l’8-12% del fosforo totale che entra nel lago Erie, ha spiegato Humphreys, ma i sostenitori della linea dura non sono disposti ad ascoltare ragione o ad accettare i dati che mostrano il problema sono anche attribuibili a fattori diversi dall’agricoltura.

Ma se da una parte al settore zootecnico non fa bene cercare di avere una discussione con gli intransigenti, secondo Humphreys le conversazioni con i pragmatici possono portare a risultati produttivi. Si tratta di gruppi o singoli attivisti che vogliono veramente vedere dei cambiamenti, e sono aperti a cambiamenti incrementali. Credono nella collaborazione con l’industria e che questa sia la chiave per portare un miglioramento che giovi a tutti. Nella mente del pragmatico, consultare gli altri per giungere a una soluzione “lo farà andare più lontano, più velocemente“, ha detto Humphreys “I pragmatici sono coloro che siedono con noi e si confrontano su cosa possiamo fare per migliorare l’agricoltura animale e imparano le cose che già facciamo. Ci danno la possibilità di spiegare in cosa crediamo“.

In alcune discussioni, è stato possibile individuare un terreno comune preesistente. Secondo Humphreys ci sono casi in cui i pragmatici propongono all’industria zootecnica delle azioni per migliorare certe situazioni ambientali o di benessere animale, solo per avere conferma che la maggior parte dei produttori dell’Ohio stanno già facendo ciò che hanno appena suggerito.

Fonte WattAgNet