Il comportamento abitudinario delle galline

Le galline ovaiole hanno una propria routine, scandita giornalmente, che viene seguita in maniera molto rigida. E’ la conclusione a cui è giunto un gruppo di ricerca dell’Università di Berna, in Svizzera, che ha svolto uno studio sul benessere degli animali, monitorando il comportamento degli avicoli allevati con strutture in multi-livello.

I ricercatori hanno scoperto che alcune galline scelgono di passare da un livello all’altro della voliera, mentre altre non lo cambieranno mai. Lo specialista di benessere animale Michael Toscano ha detto che studi preliminari avevano suggerito che i polli che cambiano piano hanno ossa e polmoni più sani e possono anche essere più felici. Inoltre presentano marcatori più elevati per una crescita neurale. La ricerca nei ratti aveva già dimostrato che bassi livelli di neuroni portano a roditori cronicamente depressi.

Ma quali sono gli avicoli che probabilmente cambieranno posizione? Per scoprirlo su alcune galline sono stati piazzati dei tracciatori, al fine di capire quale tra di loro fosse più propensa ad uscire, e capire eventuali danni ossei o l’influenza del movimento sulla produzione di uova.

I ricercatori hanno utilizzato i fasci a raggi infrarossi che riconoscono i tracciatori di ogni ovaiola, e per ognuna hanno permesso di registrarne su un computer l’identità, il tempo e la posizione, consentendo di vedere quanto spesso passavano da un livello all’altro durante il giorno.

Finora è stato possibile scoprire che ogni animale aveva una propria routine quotidiana che veniva seguita ogni giorno. Non ci aspettavamo un comportamento così coerente, che invece è stato confermato dai grafici ottenuti dai loro spostamenti” ha spiegato Toscano.

Christine Nicol, professore di benessere animale presso l’Università di Bristol, autrice de “La Biologia Comportamentale dei Polli“, ha dichiarato che lo studio sembra avere un sistema di registrazione molto promettente. L’individuazione dei singoli uccelli all’interno di grandi gruppi è un obiettivo importante, ma è stato difficile ottenere la tecnologia adeguata a farlo e che permetta di essere attuata nella pratica”.

Fonte Poultry World