Il BPC risponde alle critiche della stampa sui grandi allevamenti avicoli

Il British Poultry Council (BPC) ha risposto ad un articolo pubblicato su The Guardian, che evidenziava e criticava l’aumento dei grandi allevamenti di pollame in tutto il Regno Unito. L’articolo suggerisce che la produzione su larga scala è legata ad un minore benessere degli animali e ha stimolato migliaia di commenti di consumatori preoccupati.

Il BPC ha quindi rilasciato una dichiarazione descrivendo come operano le aziende avicole e precisando che il benessere degli animali non ha nulla a che vedere con le dimensioni dell’allevamento.

Da quando l’agricoltura su larga-scala che risponde a elevati standard è diventata un aspetto negativo? Siamo orgogliosi degli standard mantenuti dai nostri allevatori in tutto il paese. Gli allevatori e le imprese britanniche di carne di pollo producono cibo sicuro, sano e conveniente che raggiunge ogni casa del Regno Unito. Ogni anno vengono allevati almeno un miliardo di polli, vale a dire la metà del consumo nazionale. Il nostro settore è impegnato ad alimentare il nostro popolo con alimenti nutrienti, senza raggiungere compromessi sugli standard produttivi. La nostra attività è guidata dalla domanda, ed è basata su quanto i consumatori possono permettersi di pagare e sulla disponibilità dei terreni. Non si può giudicare il benessere degli polli in base alla dimensione delle aziende agricole. Ma è importante la modalità in cui vengono allevati e in cui ci si prende cura di loro. Il pollame britannico rappresenta una storia nazionale di successo grazie alle buone pratiche di allevamento e all’apertura mentale del nostro settore che accetta il cambiamento, incoraggia l’innovazione e condivide le migliori pratiche. Potete chiedere ai nostri allevatori come controllano attentamente l’ambiente di ogni capannone: giornalmente vengono fatti enormi sforzi per assicurare che i nostri polli ricevano la giusta quantità di luce naturale e fresca, siano circondati da oggetti e arricchimenti per stimolare i loro comportamenti naturali. La loro professionalità è sempre accuratamente selezionata, stimolata e aggiornata. Il nostro settore è orgoglioso di impiegare le persone migliori e più brillanti che si preoccupano realmente della salute e del benessere dei loro animali. Attenti e frequenti controlli in azienda assicurano che malattie, inquinamento e polluzione siano contenuti al minimo. Stiamo facendo tutto il possibile per nutrire la nazione applicando elevati standard produttivi e mantenendo alti livelli di salute e benessere degli uccelli. Continueremo a fare ciò che siamo bravi a fare, così come continueremo a comunicare in modo aperto e trasparente“.

Fonte Poultry News