IFIF e FAO rafforzano la collaborazione nel settore dei mangimi e degli alimenti

Lo scorso 6 ottobre si è svolto il 15° incontro annuale tra la Federazione Internazionale dell’Industria dei mangimi (IFIF) e la FAO, che ha permesso di rafforzare ulteriormente la loro collaborazione su questioni critiche per garantire la sicurezza, la sostenibilità e l’efficacia dei mangimi e del cibo.

L’incontro è stato aperto ufficialmente da Berhe Tekola, Direttore Divisione Produzione e salute Animale della FAO che ha sottolineato l’importanza del partenariato pubblico-privato per sostenere gli obiettivi strategici della FAO.

Joel Newman, Presidente di IFIF, i cui aderenti rappresentano oltre l’80% della produzione mondiale di mangimi composti, ha ribadito l’impegno di IFIF in questa partnership di lunga data, e ha sottolineato che “insieme ai colleghi della FAO sono stati raggiunti traguardi molto importanti, tra cui il Manuale di Buone pratiche per l’Industria dei mangimi, gli International Feed Regulators Meetings (IFRM) e la serie Global feed & Food Congress (GFFC)“. Newman ha aggiunto che “questa collaborazione sottolinea l’impegno di IFIF nel continuare a sostenere le iniziative della FAO volte allo sviluppo di capacità per la sicurezza dei mangimi, il partenariato con LEAP e con l’Agenda mondiale per la zootecnia sostenibile, gli sforzi congiunti in materia di mangimi e di sicurezza alimentare presso il Codex Alimentarius. IFIF attende l’imminente decimo International Feed Regulators Meeting (IFRM), che si terrà in Atlanta a gennaio. Un un altro grande esempio di collaborazione tra FAO e IFIF che impatta positivamente sulla catena dei mangimi e degli alimenti”.

Daniela Battaglia, della Divisione Salute e produzione animale della FAO ricorda che “FAO e IFIF hanno una partnership di lunga data e questo incontro ha affrontato una serie di questioni critiche di interesse comune, come ad esempio la necessità di sviluppare capacità specifiche per garantire la sicurezza del settore. E’ stato inoltre possibile evidenziare l’importanza della collaborazione per affrontare la questione della resistenza antimicrobica. La FAO si impegna a lavorare con gli operatori privati e del settore dei mangimi, ritenendo che possano contribuire in maniera sostanziale a rendere e settori dell’allevamento e dei prodotti alimentari più responsabili e sostenibili, per raggiungere obiettivi importanti come la salute pubblica e la salute e benessere degli animali“.

Fonte IFIF