I successi dei produttori avicoli olandesi contro il Campylobacter

Secondo i dati presentati dalla Poultry Processing Industry Association (NEPLUVI) olandese, nel corso di una recente incontro, negli ultimi anni la percentuale di polli che lasciano il macello con livelli elevati di Campylobacter si è dimezzato.

Il simposio, al quale hanno partecipato oltre 100 esperti e stakeholders del settore avicolo, ha permesso di fare il punto sullo stato attuale della ricerca in tema di Campylobacter nei Paesi Bassi.

La NEPLUVI ha riportato che le misure adottate in tutta la catena di produzione del pollame hanno avuto un effetto marcato sulla contaminazione da Campylobacter.

Dal 2009 al 2015, la percentuale di prodotti avicoli finiti con valori relativamente elevati di Campylobacter (più di 100 colonie per grammo di unità di formazione) è scesa dal 10 al 5%. Ulteriori dati hanno mostrato che non vi è ancora stata una corrispondente diminuzione del numero di infezioni nell’uomo, suggerendo che il pollame non è l’unica fonte importante dei casi di Campylobacter nell’uomo.

Altri partecipanti al simposio hanno illustrato le opportunità che i trasformatori hanno a disposizione per ridurre il Campylobacter. Hilko Ellen, della Wageningen UR, ha sottolineato che il miglioramento dell’igiene industriale è importante. Le misure per raggiungere questo obiettivo includono l’utilizzo di reti o odori repellenti per eliminare gli insetti.

Finora per il controllo di Campylobactern non vi è alcuna normativa olandese o europea, ma Henrieke Crielaard, a nome della Gdo ha sottolineato che tutti gli anelli della catena di produzione devono assumersi le proprie responsabilità. I macelli da carne olandesi e i supermercati sono già impegnati grazie ad un accordo privato, alla riduzione del Campylobacter, e finora gli sforzi fatti hano avuto successo.

Arie Ottevanger, del Ministero della Salute, del benessere e dello sport, ha detto ai delegati che la Commissione europea prevede di elaborare un criterio giuridico per il Campylobacter.

Fonte The Poultry Site