I Programmi nazionali di controllo della Salmonella in Austria

La Direzione generale per la sicurezza alimentare della Commissione europea ha pubblicato gli esiti di un’ispezione effettuata in Austria lo scorso maggio per valutare i Programmi nazionali di controllo della Salmonella nei riproduttori, nelle ovaiole e nei broiler.

Secondo il gruppo ispettivo in Austria i Programmi nazionali di controllo della Salmonella sono ben attuati e hanno permesso il raggiungimento di bassi livelli di prevalenza della Salmonella nei riproduttori, nelle galline ovaiole e nei broiler, in conformità con gli obiettivi stabiliti dalla normativa europea e ben al di sotto della media comunitaria.

L’unico focolaio di Salmonella collegato a un’allevamento avicolo (ovaiole) registrato nel 2015-2016, è stato rapidamente individuato e represso grazie alla comunicazione e al coordinamento tra le autorità coinvolte. Le misure preventive messe in campo hanno permesso di limitare il rischio di introdurre la Salmonella nelle popolazioni avicole e di contenere l’infezione/contaminazione.

I controlli ufficiali regolari assicurano la giusta attuazione delle attività di monitoraggio degli allevamenti e le misure di controllo applicate in caso di infezione da Salmonella negli impianti avicoli contengono con efficacia le infezioni, limitando il rischio per la salute pubblica.

La centralizzazione presso il Laboratorio nazionale di riferimento dei test degli isolati provenienti dalle diverse aree (veterinari, alimenti, mangimi e ambiente) permettono di comparare immediatamente i diversi campioni raccolti a seguito di un focolaio presso un allevamento con tutti i precedenti campioni e quindi di identificare tempestivamente eventuali legami epidemiologici.

Fonte Commissione europea