I Millennials a favore dell’allevamento animale con estratti vegetali

In base a un sondaggio online 9 Millenials foodies su 10 sono a favore dell’allevamento di pollame e bestiame, finalizzato alla produzione di carne, attraverso fitogenici (estratti vegetali), fattore che avrebbe un impatto positivo sulla loro scelta di consumo.

Il sondaggio condotto lo scorso dicembre da Millennium Research e commissionato dalla società per la nutrizione animale Delacon, è stato condotto tra 505 Millennials di età compresa tra i 24-34 anni e che vivono negli Stati Uniti.

Quasi due terzi (63%) di giovani buongustai fanno molta attenzione alle etichette, suggerendo che le industrie alimentari, attraverso l’etichettatura, possono sfruttare la comunicazione relativa all’utilizzo dei fitogenici.

Stiamo andando verso un sistema alimentare sempre più trasparente: questo significa che produttori hanno bisogno di soluzioni che non solo funzionino, ma che vengano accolte positivamente dai consumatori” ha detto Sonny Pusey, responsabile per il Nord America di Delacon. I Millennials, vale a dire il 25% della popolazione statunitense, sono molto attenti all’alimentazione, e adottano decisioni d’acquisto allineate con i loro valori.

L’indagine ha rivelato una straordinaria possibilità per i produttori: coinvolgere i Millenials più influenti attraverso le storie di allevamento che raccontano il benessere, compreso il fatto che ingredienti naturali e vegetali,come l’aglio, la cannella e il timo, vengono utilizzati per l’alimentazione di polli e suini”.

Per i Millenials buongustai, sono tre le caratteristiche più importanti per la scelta di un alimento a base di proteine animali: che gli animali siano allevati con particolare attenzione al benessere, senza l’utilizzo di antibiotici, con ridotto impatto ambientale, che comprende anche “certificazione biologica” o “allevato localmente”.

I vantaggi di un’alimentazione con fitogenici, che tra l’altro stimola la salute intestinale degli animali, riducendo così le emissioni di ammoniaca del 50% e stimola l’abbandono degli antibiotici, è quindi di particolare appeal per i foodies Millenials.

I Millennials effettuano le loro decisioni di acquisto considerando il livello di soddisfazione che ne ricevono o il senso di superiorità che ne consegue. Quasi due terzi (62%) di foodies Millenials sapendo che gli animali sono stati alimentati completamente con fitogenici naturali si sentirebbero più soddisfatti delle loro scelte alimentari. Più della metà (55%) dichiara che sceglierebbe carne o pollame allevati con fitogenici per rispondere alle loro preoccupazioni relative all’ambiente, al benessere degli animali e all’utilizzo di ingredienti naturali.

Le aziende alimentari possono motivare maggiormente gli acquisti esplicitando in etichetta l’uso di fitogenici. Se potessero, infatti, 6 Milllenials su 10 (59%) “sceglierebbero carne o pollame allevati con fitogenici”.

L’indagine di Delacon intendeva misurare se questa preferenza potesse influenzare le decisioni d’acquisto dei Milleniale. Secondo Pusey diverse indicazioni riportate in etichetta si sono mostrate capaci di influire sulle loro decisioni di acquisto. Il ranking più influente è stato “alimentazione animale che migliora il benessere generale e rafforza il sistema immunitario”. Tuttavia molte scelte si sono indirizzate verso prodotti etichettati “animali alimentati con ingredienti naturali che in realtà riduce le emissioni di gas a effetto serra” e “non lascia residui nocivi”.

Gli additivi per mangimi di origine vegetale sono una scelta naturale per i produttori, e una pietra miliare sia per i programmi di alimentazione convenzionali e che per quelli liberi da antibiotici”, ha affermato l’amministratore delegato di Delacon Markus DedlInoltre, i risultati dell’indagine indicano che l’utilizzo di fitogenici è di grande appeal per i consumatori”.

I fitogenici ottimizzano le prestazioni degli animali, stimolano l’utilizzo delle sostanze nutritive, la salute e l’integrità dell’intestino, e hanno un impatto provato sulla sostenibilità, e sulla sicurezza dei mangimi e degli alimenti. Dedl aggiunge che gli additivi fitogenici naturalmente derivati hanno maggiori effetti sinergici tra le sostanze attive, rispetto alle simili sostanze sintetiche.

Fonte All About Feed