HKScan passa all’alimentazione proteica domestica per i polli

Gli allevamenti avicoli HKScan Kariniemen saranno i primi in Finlandia a sostituire interamente nei mangimi le proteine a base di soia con legumi domestici come le fave. Questa innovazione aumenterà ulteriormente l’autosufficienza domestica nella catena di produzione alimentare finlandese.

Grazie ai nostri nuovi metodi di allevamento e dell’alimentazione animale, stiamo lavorando con i nostri allevatori per produrre migliori prodotti Kariniemen per tutti i consumatori. Lo scorso autunno abbiamo adottato un concetto unico di incubatrice nella catena Kariniemen, che consente ai pulcini di nascere nell’allevamento in cui verranno poi cresciuti, piuttosto che in un incubatoio separato. Lo sviluppo continuo di migliori mangimi avicoli è la logica prosecuzione del nostro lavoro che vuole migliorare la nostra responsabilità aziendale. Il benessere degli animali è una priorità per noi” ha dichiarato Pia Nybäck, vicepresidente esecutivo settore risorse animali e produzione primaria di HKScan.

Oltre ad allevare pulcini, gli allevamenti Kariniemen coltiveranno anche cereali come il grano e l’avena che saranno utilizzati nei mangimi. Fino ad ora, questi cereali erano stati integrati con farina di soia per aumentare il contenuto proteico dei mangimi stessi. Ma HKScan ha lavorato sistematicamente, in collaborazione con esperti di mangimi, agricoltori e i partner produttori di mangimi Nordic Soya e Hankkija, per trovare un sostituto alla farina di soia che fosse possibile produrre in loco.

Siamo lieti di implementare questa innovazione nel concetto di feed. Come risultato della ricerca e sviluppo a lungo termine, HKScan è la prima azienda della Finlandia ad eliminare la farina di soia dai mangimi e sostituirla con fonti proteiche vegetali prodotte internamente“, ha affermato Nybäck.

La soia è una delle colture più coltivate al mondo, ma la sua produzione presenta una serie di sfide di carattere ambientale e sociale. La soia è utilizzata come ingrediente in molti mangimi animali proprio per il suo alto contenuto proteico. HKScan si era già impegnata ad utilizzare esclusivamente soia prodotta in modo responsabile (Round Table on Responsible Soy – RTR) o farina di soia certificata da ProTerra. Ma “sebbene HKScan si sia già impegnata in tal senso, sostituire la soia con le proteine prodotte localmente è un’opzione significativamente migliore. La produzione alimentare locale sostiene l’economia locale e un approvvigionamento alimentare sicuro e costante” ha precisato Nybäck.

HKScan ha quindi deciso di sostituire completamente la soia con fonti proteiche locali, come le fave e i piselli. La proporzione di questo genere di ingredienti sarà aumentata in base alla disponibilità. La fava è una coltura alimentare tradizionale in Finlandia ma sebbene l’anno scorso la superficie coltivata sia raddoppiata, il volume di raccolti della Finlandia non soddisfa pienamente i livelli di domanda attuali.

Per aumentare l’offerta, chiediamo agli agricoltori di coltivare più fave, decisione che comporterà effetti positivi sull’ambiente e sull’agricoltura. Le fave infatti fissano l’azoto nel terreno, avvantaggiando la coltura di altre piante in caso di rotazione” ha affermato Ulf Jahnsson, direttore servizi di produzione e qualità di HKScan.

Fonte WattAgNet