Focolai di Salmonella legati al consumo di uova polacche

Alcuni casi di Salmonella che si sono registrati in Belgio, Danimarca, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia e Regno Unito sono stati legati a uova provenienti dalla Polonia. Sono ancora in corso analisi relative ad altri casi avvenuti in Croazia , ma si pensa che la fonte potrebbe essere la stessa.

Secondo l’Efsa, il focolaio multi-nazione potrebbe essere fatto risalire a un centro di imballaggio di uova in Polonia. L’EFSA ha riferito che sette paesi hanno segnalato casi di Salmonella Enteritidis tra il 1 maggio e il 12 ottobre di quest’anno, ma fino ad ora non era stato possibile legare i singoli casi a possibili fonti. Le autorità polacche e quelle di altri Stati membri dell’Unione europea hanno ormai bloccato la distribuzione di uova provenienti da quel centro.

Al fine di contenere l’epidemia e identificare potenziali nuovi casi, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e l’EFSA raccomandano ai paesi di intensificare il monitoraggio e la condivisione delle informazioni. I paesi colpiti dovrebbero condividere i dettagli sulle indagini epidemiologiche, microbiologiche e ambientali, fornendo dati sull’emissione di notifiche pertinenti utilizzando il sistema di allarme rapido per gli alimenti e i mangimi (RASFF) e il sistema di allarme rapido e di reazione (EWRS).

Oltre a questo l’EFSA chiede che i nuovi casi di Salmonella vengano segnalati al Sistema di intelligence per le epidemie di origine animale e acquatica.

Fonte WattAgNet