Fipronil: accordo tra Commissione europea e Stati membri su misure concrete

Si è svolta a Bruxelles una conferenza ministeriale di alto livello sul caso delle uova contaminate dal Fipronil a cui hanno preso parte rappresentanti di tutti i paesi Ue e una decina di ministri dell’agricoltura o della salute.

Secondo l’Esecutivo Ue, è stata la mancanza di comunicazione tra il Sistema di allarme rapido per alimenti e mangimi (RASFF) e il Sistema amministrativo di assistenza e cooperazione (AAC), il sistema informatico di allerta che dal 2015 è utilizzato dal Food Fraud Network (FFN) per lo scambio di informazioni sulla frodi alimentari, a rallentare la capacità di reazione a fronte dell’emergenza di agosto, che va quindi migliorata attraverso punti di contatto, scambio di informazioni e coordinamento migliore, e l’istituzione di un funzionario per la sicurezza alimentare per ogni Paese Ue.

L’incontro di oggi è stato molto partecipato e molto sentito da tutti gli Stati membri”, ha riferito il commissario per la sanità pubblica e la sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis. “Non abbiamo introdotte sanzioni ma abbiamo fatto grandi passi avanti con l’adozione di un approccio più coerente e coordinato, che sarà di notevole aiuto quando l’Europa si troverà, di nuovo, a dover gestire un problema legato alla sicurezza alimentare”,.

Fonte SIVeMP