Entro fine 2018 le spedizioni di pollame congelato russo in Cina

Il governo russo ha annunciato che entro la fine del 2018 saranno avviate le spedizioni di pollame surgelato in Cina. I funzionari del servizio federale per la sorveglianza veterinaria e fitosanitaria (Rosselkhoznadzor) e quelli delle dogane cinesi hanno infatti raggiunto un accordo il 7 novembre, in cui venivano concordati i requisiti cinesi per l’ingresso nel paese di pollame congelato.

Sono diversi anni che la Russia attende di accedere al mercato cinese e questo accordo dovrebbe aiutare l’industria avicola russa, che ha subito la battuta d’arresto dopo la chiusura del Giappone, della Corea del Sud e dell’Europa.

Le esportazioni verso la Cina significano soprattutto una maggiore redditività produttiva e la possibilità di vendere prodotti, come le frattaglie, che non sono richiesti nel nostro mercato interno” ha dichiarato alla Reuters Sergei Yushin, presidente dell’Associazione russa delle carni. “La Cina è da sempre un obiettivo prioritario per gli esportatori russi”.

In Russia hanno sede due principali aziende avicole. Tra queste Cherkizovo che secondo la classifica Poultry International Top Poultry Companies è la più grande azienda avicola russa: Cherkizovo è legata all’ucraina MHP la sesta più grande azienda avicola d’Europa. Nel 2017 le due società hanno macellato 312 milioni di broiler. La Prioskolye è la seconda azienda avicola della Russia e la nona in Europa: nel 2017 ha macellato 276 milioni di broiler. Sia Cherkizovo che Prioskolye producono anche tacchino.

In Cina, hanno invece sede due delle principali aziende avicole dell’Asia: New Hope Liuhe e Wen’s Food Group che nel 2017 hanno macellato rispettivamente 1,3 miliardi e 807 milioni di polli da nel 2017.

Fonte WattAgNet