“Dica 35!”: l’importanza della carne per una corretta alimentazione e i consigli per gli sportivi

Vitamine, minerali, composti bioattivi, aminoacidi essenziali: la carne possiede proprietà importanti per il corretto funzionamento del nostro organismo, spesso poco conosciute.

Quando si parla di carne, infatti, tanti pensano solo al contenuto di ferro, proteine e vitamina B12. Pochi sanno che la carne contiene anche vitamina D, importante per l’assorbimento del calcio, acido pantotenico, per il metabolismo dei carboidrati e delle proteine, selenio, prezioso antiossidante, lisina, potente ricostituente del sistema immunitario, fino al coenzima Q10, elemento piuttosto noto al pubblico femminile come coadiuvante nella formazione di collagene per la pelle; senza dimenticare che dei 20 amminoacidi che compongono le proteine, 9 sono essenziali e vengono forniti dalla carne in rapporto percentuale ottimale, a differenza delle proteine vegetali, la cui composizione in amminoacidi essenziali non è così completa ed equilibrata.

Con tutti i principi attivi e micronutrienti contenuti, la carne è un alimento completo e importante per il nostro equilibrio” dichiara Elisabetta Bernardi, specialista in scienza dell’alimentazione, biologa e nutrizionista “Bisogna fare informazione su un corretto consumo di carne né troppa né troppo poca, perché ci si priva di nutrienti necessari al corretto funzionamento dell’organismo”.

Ed è proprio sul “Quante”, ma anche sul “Quali” e sul “Quando” bisogna consumare proteine, che si è soffermato il professor Antonio Paoli, docente presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università degli Studi di Padova, nel suo intervento alla tavola rotonda dal titolo “Non solo allenamento: nutrizione, recupero ed il loro ruolo sinergico per la performance”, che si è svolta presso Spazio Nutrizione organizzato in concomitanza con TuttoFood.  “Nella cornice di TuttoFood, ho voluto porre l’accento sugli ultimi studi relativi all’apporto proteico degli sportivi. È bene infatti chiarire che chi fa sport di potenza presenta un fabbisogno proteico sensibilmente maggiore con un limite a pasto che oggi è indicato dagli esperti come superiore ai 20 grammi: studi recenti sembrano dimostrare, infatti, che in condizioni sperimentali tale limite possa essere anche più del doppio (Kim et al. 2016). È bene chiarirlo, per evitare che una non corretta informazione generi pericolose carenze, in termini di equilibrio e di performance atletica per chi fa agonismo”.

Carni Sostenibili, gruppo nato dalla comunione di intenti delle tre principali associazioni di categoria, Assocarni, Assica e Unaitalia, per fare cultura sul settore delle carni italiane, ha distribuito agli ospiti di Spazio Nutrizione di TuttoFood a Milano due leaflet informativi importanti: il primo sul ruolo dei 35 nutrienti della carne; il secondo focalizzato sull’equilibrio del consumo di proteine per chi fa sport, a beneficio di un sapere condiviso sull’alimentazione e mettendo a favore dei cittadini le conoscenze di esperti nutrizionisti su un tema, spesso dibattuto, come il consumo corretto di carne e sul suo ruolo per restare in forma e a lungo.