“Basi Zootecniche” per il calcolo delle emissioni in Spagna

Il ministero dell’Agricoltura e della pesca, della Spagna (MAPAMA) ha presentato i cosiddetti Documenti Zootecnici che stabiliscono l’equilibrio tra azoto e fosforo in tre settori di grande importanza per la zootecnia spagnola come cavalli, suini bianchi e pollame, quest’ultimo settore inteso sia per la produzione di carne che di uova.

Questi documenti, frutto di diversi anni di lavoro, sono di straordinaria importanza per la stima dei gas inquinanti e dei gas serra. Hanno anche un altro importante valore aggiunto, in quanto consentono di compilare, in un unico documento, le informazioni relative all’evoluzione del patrimonio zootecnico; la sua capacità produttiva; i diversi sistemi di produzione; le variazioni nell’alimentazione e le sue implicazioni nelle emissioni dei diversi composti. Tutto questo, durante un’importante serie storica, dal 1990 in cui inizia il periodo di studio, fino al 2015.

Questi documenti saranno integrati con lo studio corrispondente alle pecore, che è già stato finalizzato ed è in fase di pubblicazione, così come altri corrispondenti ai bovini, sia al latte che da carne e suini iberici sui quali si sta lavorando a tutt’oggi. È prevista anche la stesura del corrispondente alle capre e una speciale compilazione dei diversi sistemi di gestione del letame.

Più le emissioni saranno adeguate e più in linea con la realtà nazionale, più sarà facile progettare politiche e misure con l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra.

È stato inoltre presentato uno strumento per il calcolo dei gas di azoto nei suini bianchi e negli avicoli, che consente, sulla base di dati medi, di stabilire le emissioni di gas inquinanti, principalmente l’ammoniaca, a livello di sfruttamento zootecnico. Questo strumento, che deve ancora essere arricchito dai contributi degli utenti, aiuterà gli agricoltori a preparare e presentare l’inventario delle emissioni delle loro aziende agricole, come richiesto dalla normativa vigente.

Fonte 3tre3.it