Autorizzato un preprato di lectine di fagiolo per mangimi destinati ai suinetti

Sulla Gazzetta ufficiale europea L 280 del 18 ottobre 2016 è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2016/1833 della Commissione, del 17 ottobre 2016, relativo all’autorizzazione di un preparato di lectine di fagiolo (lectine di Phaseolus vulgaris) come additivo per mangimi destinati a suinetti lattanti (titolare dell’autorizzazione Biolek Sp. z o.o.).

La domanda di autorizzazione presentata riguarda un preparato di lectine di fagiolo (lectine di Phaseolus vulgaris), che è stata corredata dalle informazioni dettagliate e dai documenti prescritti dall’articolo 7, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 1831/2003. La domanda l’autorizzazione del preparato come additivo per mangimi destinati a suinetti lattanti, da classificare nella categoria “additivi zootecnici”.

Nei propri pareri (29 ottobre 2014 e 22 ottobre 2015) l’Efsa ha concluso che, nelle condizioni di impiego proposte, il preparato di lectine di fagiolo (lectine di Phaseolus vulgaris) non ha un’incidenza negativa sulla salute degli animali, sulla salute umana o sull’ambiente. Essa ha inoltre concluso che l’additivo dovrebbe essere considerato sensibilizzante delle vie respiratorie e che vi è un rischio potenziale di esposizione per inalazione. Infine l’additivo è potenzialmente in grado di aumentare la resa utile dei suinetti lattanti durante il periodo successivo allo svezzamento. L’Autorità ritiene che non siano necessarie prescrizioni specifiche per il monitoraggio successivo all’immissione sul mercato. Ha verificato altresì la relazione sul metodo di analisi dell’additivo per mangimi contenuto negli alimenti per animali presentata dal laboratorio di riferimento istituito dal regolamento (CE) n. 1831/2003.

L’articolo 1 del Regolamento in esame dispone che il preparato di cui all’allegato, appartenente alla categoria “additivi zootecnici” e al gruppo funzionale “altri additivi zootecnici”, è autorizzato come additivo nell’alimentazione animale alle condizioni stabilite nell’allegato stesso. Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.