Autorizzato un preparato di Pediococcus acidilactici destinato a suini e avicoli

Sulla Gazzetta ufficiale europea L329 del 13 dicembre 2017 è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/2299 della Commissione, del 12 dicembre 2017, relativo all’autorizzazione di un preparato di Pediococcus acidilactici CNCM MA 18/5M come additivo per mangimi destinati a suini da ingrasso, suini di specie minori (svezzati e da ingrasso), polli da ingrasso, specie avicole minori da ingrasso e specie avicole minori destinate alla produzione di uova, nonché all’autorizzazione di tale additivo per mangimi da impiegare nell’acqua potabile e recante modifica dei regolamenti (CE) n. 2036/2005, (CE) n. 1200/2005 e del regolamento di esecuzione (UE) n. 413/2013 (titolare dell’autorizzazione Danstar Ferment AG, rappresentata da Lallemand SAS).

Il preparato di Pediococcus acidilactici CNCM MA 18/5M è stato autorizzato a tempo indeterminato come additivo per mangimi destinati a polli da ingrasso  e come additivo per mangimi destinati a suini da ingrasso. E’ stato successivamente iscritto nel registro degli additivi per mangimi quale prodotto esistente. L’utilizzo di tale preparato è stato autorizzato nell’acqua potabile per suinetti svezzati, suini da ingrasso, galline ovaiole e polli da ingrasso.

In uno suo parere l’Efsa ha concluso che, nelle condizioni d’impiego proposte, il preparato di Pediococcus acidilactici CNCM MA 18/5M non ha un’incidenza negativa sulla salute degli animali, sulla salute umana o sull’ambiente. L’Autorità ha inoltre concluso che l’impiego del preparato nei mangimi e nell’acqua potabile può migliorare il rendimento zootecnico dei suini da ingrasso e dei polli da ingrasso. Poiché si presume che il meccanismo di azione dell’additivo sia identico, essa ha considerato che il preparato può anche migliorare il rendimento zootecnico dei suini di specie minori (svezzati), dei suini di specie minori da ingrasso, delle specie avicole minori da ingrasso e delle specie avicole minori destinate alla produzione di uova. L’Autorità non ritiene che siano necessarie prescrizioni specifiche per il monitoraggio successivo all’immissione sul mercato. Essa ha verificato anche la relazione sul metodo di analisi dell’additivo per mangimi contenuto negli alimenti per animali presentata dal laboratorio di riferimento istituito dal regolamento.

Pertanto il preparato specificato nell’allegato I, appartenente alla categoria “additivi zootecnici” e al gruppo funzionale “stabilizzatori della flora intestinale”, è autorizzato come additivo nell’alimentazione animale alle condizioni stabilite in tale allegato.

Di conseguenza la voce E 1712 relativa al Pediococcus acidilactici CNCM MA 18/5M  presente nell’allegato II del regolamento (CE) n. 1200/2005, è soppressa, così come quella presente nell’allegato I del regolamento (CE) n. 2036/2005, L’allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 413/2013 è sostituito dall’allegato II del presente regolamento di esecuzione.

Inoltre il preparato specificato nell’allegato I e i mangimi contenenti tale preparato, prodotti ed etichettati prima del 2 luglio 2018 in conformità alle norme applicabili prima del 2 gennaio 2018, possono continuare ad essere immessi sul mercato e utilizzati fino a esaurimento delle scorte.

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.