“Allargare il più possibile l’uso delle proteine derivanti da insetti”

L’IPIFF, l‘Organizzazione europea che rappresenta gli interessi del settore della produzione di insetti per alimenti e mangimi, ha sottolineato il ruolo che gli insetti potrebbero svolgere nel rispondere alle sfide sociali mondiali.  L’organizzazione ha inoltre sostenuto il fatto che nell’ambito della politica e del quadro legislativo dell’UE sono già state aperte nuove opportunità per massimizzare questo potenziale.

Riuniti a Bruxelles per la Conferenza internazionale IPIFF 2017, oltre 250 partecipanti, tra cui il Commissario UE per la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis, rappresentanti del Parlamento europeo e della presidenza estone, nonché produttori di insetti, responsabili politici, scienziati, ONG e rappresentanti dell’industria agro-alimentare, hanno concordato sul potenziale rappresentato dall’utilizzo degli insetti per la produzione di cibo e mangimi.

Nel suo intervento il commissario Andriukaitis ha sottolineato che “i produttori di insetti possono apportare un contributo significativo, immediato e futuro, per aiutarci ad affrontare le sfide globali legate alle proteine, all’economia circolare e all’innovazione: le politiche europee offrono già molte opportunità e questo è fondamentale per la continua crescita e credibilità del settore“.

Aprendo la conferenza il presidente dell’IPIFF Antoine Hubert ha indicato che due recenti riforme politiche dell’UE hanno ampiamente contribuito allo sviluppo del nostro settore. Per esempio la recente autorizzazione comunitaria a utilizzare le proteine di insetto nei mangimi per l’acquacoltura, ha costituito un passo in avanti decisivo per i produttori europei, che vedono la possibilità di portare le loro attività produttive su scala industriale, e ha anche offerto una nuova soluzione al settore dell’acquacoltura europea.

Inoltre il recente voto degli Stati membri sui nuovi testi di attuazione della nuova legislazione comunitaria sull’alimentazione, offre maggiore visibilità agli operatori del settore degli insetti per il consumo umano.

Guardando al futuro, l’IPIFF ha espresso la volontà di proseguire gli sforzi per una maggiore diffusione dell’uso delle proteine da insetti da parte degli allevatori dell’UE. “La nostra associazione vuole estendere l’uso delle proteine di insetti nei mangimi destinati a suini e pollame. Siamo anche interessati a esplorare potenziali substrati alternativi per l’allevamento degli insetti” ha dichiarato il vicepresidente di IPIFF Tarique ArsiwallaLe opportunità nel contesto delle discussioni in corso sull’UE sull’economia circolare e dei programmi di ricerca finanziati dall’UE sono molteplici: incoraggiamo il sostegno a queste opportunità per massimizzare il potenziale del settore degli insetti“.

L’evento ha inoltre gettato luce su diversi progetti intrapresi da IPIFF, in particolare nei settori della sicurezza degli alimenti e dei mangimi. I membri dell’IPIFF sono infatti impegnati nello sviluppo di un documento di orientamento che documenta le migliori pratiche igieniche per la produzione di insetti, e in una raccolta di studi che dimostrino la sicurezza degli insetti per il consumo umano. L’IPIFF sta anche collaborando con associazioni di categoria di altre regioni del mondo (Sud-Est asiatico, Nord America e Africa).

Confidiamo che queste azioni possano essere utili per i nostri produttori che potranno conformarsi alle normative applicabili (all’interno dell’UE o in tutto il mondo), e potranno influenzare gli standard di mercato: la sicurezza di alimenti e mangimi sono condizioni indispensabili per l’apertura di nuove porte” ha concluso il presidente Antoine Hubert.

Fonte All About Feed