Accordo per lo sviluppo degli allevamenti avicoli in Nicaragua

In Nicaragua l’Associazione Nazionale degli avicoltori e dei produttori produttori alimentari (ANAP) e l’Istituto per la tutela e la salute delle piante (IPSA), per il nono anno consecutivo, hanno firmato un accordo di cooperazione per l’anno in corso.

Obiettivo dell’accordo è sviluppare ulteriormente le capacità del Veterinary Diagnostic National Laboratory e dell’Unione avicola locale. Anapa fornirà 164.000 dollari per l’attuazione del programma sanitario e il rafforzamento della sorveglianza attiva e passiva degli allevamenti avicoli nel paese.

Alfredo Velez, presidente di Anapa, ha detto che questo accordo è di vitale importanza, dal momento che uno dei suoi obiettivi è prolungare gli sforzi fatti finora per stimolare le esportazioni di carne di pollo verso gli Stati Uniti, sfruttando le opportunità offerte dall’accordo di libero scambio tra l’America centrale e gli Stati Uniti (DR-CAFTA).

Nel comunicato emesso si precisa che l’accordo prevede la realizzazione di una simulazione a livello nazionale di un’emergenza sanitaria, corsi di formazione in materia di biosicurezza e tecniche diagnostiche per i laboratori; prevede inoltre l’acquisizione di materiali, sia su campo che in laboratorio, per l’analisi dei campioni prelevati sugli uccelli migratori, sugli uccelli selvatici, da cortile, le aziende agricole. I risultati di questi test, che saranno a cura dell’IPSA, costituiranno la base della certificazione costante del Nicaragua come paese libero da malattie aviarie, come la malattia di Newcastle o l’influenza aviaria, e quindi da misure di quarantena o da restrizioni di carattere commerciale.

Secondo i dati del Sistema nazionale di Produzione, Consumo e Commercio, nel 2016 il Nicaragua ha prodotto 306 milioni di chili di pollo e qualche oltre 807 milioni di uova.

Fonte El Sito Avicola