A dicembre calano i prezzi mondiali dei prodotti alimentari

Secondo gli ultimi dati forniti da FAO, a dicembre i prezzi alimentari globali sono diminuiti, soprattutto a causa del forte calo dei prezzi degli oli vegetali e dei prodotti lattiero caseari.

L’Indice dei prezzi FAO, una misura della variazione mensile dei prezzi internazionali di un paniere di prodotti alimentari, si è attestato a 169,8 punti nel dicembre 2017, in calo del 3,3% rispetto a novembre. Nonostante la scivolata di fine anno, l’indice dei prezzi alimentari della FAO ha registrato nel 2017 una media di 174,6 punti, un aumento dell’8,2% rispetto al 2016 e con la media annuale più alta dal 2014.

L’indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari della FAO è diminuito del 9,7% a dicembre, con un alto livello di esportazioni e una domanda contenuta che ha gravato sui prezzi internazionali del latte intero e di quello scremato in polvere, nonché del formaggio e del burro. Tuttavia, il sotto indice è aumentato del 31,5% nel 2017 rispetto all’anno precedente.

L’indice dei prezzi degli oli vegetali è diminuito del 5,6% da novembre, mentre i prezzi dell’olio di palma sono crollati a causa delle ampie scorte in Malesia e Indonesia. Ciò ha a sua volta avuto ripercussioni sulle quotazioni dell’olio di soia. Nel corso del 2017, il sotto indice è aumentato del 3% rispetto all’anno precedente.

Anche l’indice dei prezzi dello zucchero è diminuito, segnando un calo del 4,1% rispetto a novembre a causa di fattori stagionali e delle aspettative di un notevole surplus nel prossimo anno. I prezzi dello zucchero nel 2017 sono stati in media inferiori dell’11,2% rispetto al 2016, a causa soprattutto di un raccolto eccezionale in Brasile, il principale produttore mondiale.

L’indice dei prezzi dei cereali della FAO è rimasto sostanzialmente stabile per il terzo mese consecutivo, con un calo dei prezzi internazionali del grano mentre quelli del mais e del riso si sono rafforzati. Nel 2017 l’indice annuale è stato superiore del 3,2% rispetto al 2016, mentre è stato ancora del 37% inferiore rispetto al picco raggiunto nel 2011.

Nell’ultimo mese dell’anno l’indice dei prezzi della carne è scivolato leggermente, con forti riserve che hanno spinto verso il basso i prezzi internazionali della carne bovina. Per l’anno, il sotto indice ha registrato un aumento del 9% rispetto al livello del 2016.

Fonte FAO