L’aggiornamento della regionalizzazione a seguito dei casi di aviaria in Italia e nei Paesi Bassi

Sulla Gazzetta ufficiale europea L 75 del 19 marzo è stata pubblicata la Decisione di esecuzione (UE) 2018/418 della Commissione, del 16 marzo 2018, che modifica l’allegato della decisione di esecuzione (UE) 2017/247 relativa a misure di protezione contro i focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità in alcuni Stati membri [notificata con il numero C(2018) 1700]

Dalla data in cui è stata apportata l’ultima modifica alla decisione di esecuzione (UE) 2017/247 con la decisione di esecuzione (UE) 2018/342, l’Italia ha notificato alla Commissione la comparsa di ulteriori focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità del sottotipo H5N8 in aziende avicole situate in Lombardia. I Paesi Bassi hanno notificato alla Commissione la comparsa di un ulteriore focolaio di influenza aviaria ad alta patogenicità del sottotipo H5N6 nella provincia di Overijssel. L’Italia e i Paesi Bassi hanno inoltre comunicato alla Commissione di aver adottato le misure necessarie, comprendenti l’istituzione di zone di protezione e sorveglianza intorno alle aziende avicole infette. La Commissione ha esaminato tali misure e ha potuto accertare che i confini delle zone di protezione e sorveglianza istituite dalle autorità competenti si trovano a una distanza sufficiente dalle aziende avicole in cui è stata confermata la comparsa dei nuovi focolai.

Al fine di prevenire inutili perturbazioni degli scambi all’interno dell’Unione ed evitare che paesi terzi impongano ostacoli ingiustificati agli scambi, è necessario descrivere rapidamente a livello dell’Unione le zone di protezione e sorveglianza istituite ed è quindi opportuno aggiornare la decisione di esecuzione (UE) 2017/247: in particolare, per aggiornare la regionalizzazione a livello dell’Unione, il suo allegato viene modificato conformemente all’allegato della presente decisione come stabilito dall’articolo 1 della stessa.