Autorizzato un preparato come additivo per mangimi destinati a tutte le specie avicole

Sulla Gazzetta ufficiale europea L 141 del 1 giugno 2017 è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/930 della Commissione, del 31 maggio 2017, che concerne l’autorizzazione di un preparato di un ceppo di microrganismi DSM 11798 della famiglia delle Coriobacteriaceae come additivo per mangimi destinati a tutte le specie avicole e che modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 1016/2016.

E’ stata presentata una domanda per un nuovo impiego di un preparato di un ceppo di microrganismi DSM 11798 della famiglia delle Coriobacteriaceae e per una modifica dei termini dell’attuale autorizzazione per i suini concessa dal regolamento di esecuzione (UE) n. 1016/2013 della Commissione. La domanda riguarda l’autorizzazione di un nuovo impiego del preparato come additivo per mangimi destinati a tutte le specie avicole, da classificare nella categoria “additivi tecnologici” e la modifica dei termini dell’attuale autorizzazione per i suini al fine di estendere l’impiego a tutte le micotossine tricoteceni.

In un suo parere l’Efsa ha concluso che, alle condizioni d’impiego proposte, il preparato di un ceppo di microrganismi DSM 11798 della famiglia delle Coriobacteriaceae non ha effetti dannosi per la salute degli animali, la salute umana o l’ambiente. L’Autorità ha riconosciuto che il preparato ha la capacità di ridurre il deossinivalenolo (DON) nei mangimi contaminati e di ridurre il gruppo 12,13-epossido in vari tricoteceni rappresentativi e in altre micotossine dello stesso tipo strutturale, indipendentemente dalla specie o categoria di animali ai quali si somministrano i mangimi contaminati.

Per tali motivi attraverso l’articolo 1 del Regolamento in esame il preparato specificato nell’allegato I, appartenente alla categoria “additivi tecnologici” e al gruppo funzionale “sostanze che riducono la contaminazione da micotossine del mangime“, è autorizzato come additivo destinato all’alimentazione animale alle condizioni stabilite in tale allegato. L’allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 1016/2013 è sostituito dall’allegato II del presente regolamento che entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.