Autorizzato il Solfato di L-lisina come additivo per tutte le specie animali

Sulla Gazzetta ufficiale europea L 67 del 14 marzo 2017 è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/439 della Commissione, del 13 marzo 2017, relativo all’autorizzazione del solfato di L-lisina ottenuto da Escherichia coli come additivo per mangimi destinati a tutte le specie animali.

E’ stata presentata una domanda di autorizzazione di tale sostanza, corredata delle informazioni dettagliate e dei documenti prescritti dall’articolo 7, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 1831/2003. La domanda riguarda l’autorizzazione del solfato di L-lisina ottenuto per fermentazione da Escherichia coli CGMCC 3705 come additivo per mangimi destinati a tutte le specie animali, da classificare nella categoria “additivi nutrizionali”. Nei suoi pareri l’Efsa ha concluso che, nelle condizioni d’impiego proposte, la sostanza non ha un’influenza sfavorevole sulla salute umana, animale o l’ambiente e che tale sostanza è un’efficace fonte dell’amminoacido lisina per tutte le specie animali. L’Efsa ritiene che non siano necessarie prescrizioni specifiche per il monitoraggio successivo all’immissione sul mercato.

Per questo motivo la sostanza di cui all’allegato del presente Regolamento, appartenente alla categoria “additivi nutrizionali” e al gruppo funzionale “aminoacidi, loro sali e analoghi”, è autorizzata quale additivo destinato all’alimentazione animale alle condizioni stabilite in detto allegato.

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.